Una regione di confine che ha saputo scrivere la storia. Anche quella del vino, certo! Verdicchio su tutti, le Marche regalano un panorama mozzafiato di vitigni autoctoni assolutamente entusiasmanti: Lacrima, Passerina, Pecorino, Vernaccia Nera… Insieme ai grandi classici dell’Appennino, quali Trebbiano, Sangiovese e Montepulciano, questa sera abbiamo dipinto un quadro di sicuro interesse e degna curiosità: calici che hanno portato le sensazioni più disparate, degustazioni che hanno acceso dibattiti, confronti e scambi di idee. Insomma, decisamente una di quelle serate che vanno famose sotto l’insegna Sommelier Social Club!


20180921_Terre Silvate 2016

TERRE SILVATE 2016, Tenuta La Distesa. Corrado Dottori, Cupramontana (AN). Verdicchio, Trebbiano.

Il ritorno alle radici con l’idea di costruire una vita migliore… Terre Silvate è sicuramente un vino figlio di questa idea. Un allungo incredibile sulla freschezza e sulla sapidità, le note di macerazione iniziale che lasciano il campo alle scorze d’agrumi, una struttura che lavora dietro le quinte ad equilibrare il tutto… Spaziale e da conservare!

20180921_Bianchello Ribelle

Tenuta Cà Sciampagne, Bianchello Ribelle. Leonardo Cossi, Urbino, Pesaro-Urbino, Marche

BIANCHELLO RIBELLE 2016, Tenuta Cà Sciampagne. Leonardo Cossi, Urbino (PU). Bianchello.

Bianchello solo di nome, che di fatto è un orange fatto e finito! 28 giorni di macerazione sulle bucce, fratello tranquillo del movimentato rifermentato in bottiglia… Smalto è la parola d’ordine, sensazioni di volatile che si amalgamano ad una struttura intensa, aromi velati di frutto macerato. Sapidità e acidità che sostengono il sorso. Un assaggio non immediato, certo, un calice che fa dibattere: l’idea di un naturale che va troppo in là e diventa un vino estremamente costruito? Ribelle sì, di nome e di fatto!

20180921_Stella Flora 2011

Maria Pia Castelli, Stella Flora 2011. Monte Urano, Fermo, Marche – Sommelier Social Club, Nerviano, Milano

STELLA FLORA 2011, MPC. Maria Pia Castelli, Monte Urano (FM). Pecorino, Passerina, Trebbiano, Malvasia.

Uvaggio bianco marchigiano caratteristico, per uno dei vini più emblematici e “verticalizzati” di Maria Pia Castelli. Un assaggio decisamente di struttura, il 2011, opulento e grasso, con intriganti accenni lattici al naso. Tradisce forse troppo quei lunghi mesi di barrique? Una certa freschezza non gli difetta, ma pare rimanere ancorato al legno e alla possanza più che alla finezza. Comunque da provare!

20180921_Guardiano della Terra 2015

Azienda Agraria Guerrieri, Guardiano della Terra 2015. Piagge, Pesaro-Urbino, Marche – Sommelier Social Club, Nerviano, Milano

GUERRIERO DELLA TERRA 2015, Azienda Agricola Guerrieri. Famiglia Guerrieri, Piagge (PU). Montepulciano, Sangiovese.

Spiazzante. Praticamente un vino da dessert: caldo, potente, profondo, morbido… dolce! La sensazione di residuo zuccherino è davvero notevole. Un vino nato dal miglior appezzamento aziendale e da viti vecchie, da vendemmia tardiva e da affinamento in legno. Cuore scuro e unghia porpora, note di frutto praticamente nero e spezie e tostato. Golosissimo!

20180921_Paradiso

Fattoria San Lorenzo, Paradiso. Natalino Crognaletti, Montecarotto, Ancona, Marche – Sommelier Social Club, Nerviano, Milano

PARADISO 2011, Fattoria San Lorenzo. Natalino Crognaletti, Montecarotto (AN). Lacrima.

Per gli appassionati del vino, un produttore che non ha bisogno di presentazioni. E il Lacrima di Morro d’Alba che troviamo nel calice è davvero paradisiaco, vero figlio di quella vigna. Un roseto denso e profondo, una galleria floreale di petali scurissimi, un labirinto ombroso e balsamico. Un vino di struttura e finissimo, morbido e fresco, sapido e caldo: tutto quanto basta a rivelare un equilibrio universale. Definitivo.

20180921_Vernaccia Nera di Serrapetrona Dolce

Azienda Colleluce, Vernaccia Nera di Serrapetrona Dolce. Franca Malavolta, Serrapetrona, Macerata, Marche – Sommelier Social Club, Nerviano, Milano

VERNACCIA NERA DI SERRAPETRONA DOLCE, Azienda Colleluce. Franca Malavolta, Serrapetrona (MC). Vernaccia Nera.

La stessa travolgente simpatia di Franca Malavolta, in questo calice spumeggiante e la stessa complessità del suo lavoro all’interno un’isola nascosta, come l’areale di Serrapetrona. Un vino che colpisce sempre per la sua immediatezza frizzante ed esplosiva di frutti scuri di bosco e la contemporanea profondità speziata e tannica. Un sorso che si mastica, un naso che si beatifica fino al balsamico dell’incenso. Ogni volta che la incontro, la Vernaccia Nera di Serrapetrona mi sorpende e mi appaga. Immancabile!


Bonus track della serata, simpaticamente offerta dal nostro amico Domenico, il Sant’Isidoro 2014 di Maria Pia Castelli, rosato di Montepulciano e Sangiovese. Semplice nei profumi e nella struttura, quanto godibile e per nulla scontato; immediato sulla frutta rossa, quanto preciso nell’estrema freschezza e sapidità.

Stay tuned!

Share: